COOPERAZIONE - AGRICOLTURA - ECONOMIA SOCIALE - PESCA - COVID-19

Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e le MID CAP ( Decreto Liquidità 23/2020)

PRODOTTI

Hai bisogno di informazioni o assistenza sui finanziamenti?

DESCRIZIONE

Con il Decreto Liquidità n. 23 dell’08/04/2020 convertito nella Legge 5 giugno 2020 n. 40, il Fondo Centrale di Garanzia anche nella sua operatività ordinaria ha rafforzato l’intervento a favore delle PMI (Piccole Medie Imprese) e delle così dette MID CAP (aziende con un numero di dipendenti non superiore a 499) con il fine di consentire un più rapido e vantaggioso accesso al credito in un momento complesso della vita nazionale: possono beneficiare del Fondo Centrale di Garanzia anche le imprese le agricole prima escluse.

 

COOPERFIDI ITALIA interviene con una garanzia sull’80% del credito riassicurata dal Medio Credito Centrale (MCC) al 90%. Le commissioni sono ridotte del 25% rispetto al listino ordinario.

 

Alle sole COOPERATIVE, Cooperfidi Italia offre:

  • la garanzia sul 100% del credito riassicurata all’ 80% dall’ MCC;

o in alternativa

  • la garanzia del 20% complementare alla garanzia diretta del Fondo Centrale di Garanzia richiesta dalla banca;

commissioni ridotte del 50% rispetto a quelle ordinarie.

BENEFICIARI

PMI e MID CAP appartenenti a tutti i settori con l’eccezione di quelli inseriti, nella classificazione Ateco 2007, nelle Sezioni: K (Attività finanziarie e assicurative), O (Amministrazione pubblica), T (Attività delle Famiglie), U (Organizzazioni extra territoriali).

Le imprese per accedere al beneficio devono:

  • essere iscritte nel Registro Imprese;
  • non essere in stato di difficoltà;
  • non essere sottoposte a procedure concorsuali per insolvenza con eccezione di concordati in continuità (ex articoli 67 e 182 della Legge Fallimentare) aperti nel 2020.

In caso di società di persone la verifica l’esame dei requisiti si estende a tutti i soci con cariche rilevanti.

Forma tecnica\finalità

  • Credito a breve termine, con l’obiettivo di garantire liquidità immediata e che può assumere le seguenti forme:
    • anticipo fatture e anticipo SBF;
    • scoperto di C\C;
    • anticipo contributi pubblici.
  • Mutuo chirografario, sia per investimenti (ad esempio per l’acquisto di impianti energetici o terreni oppure per ristrutturazione di immobili) che per liquidità (ad esempio per gestire danni da agenti atmosferici oppure per pagare fornitori).
  • Mutuo ipotecario, finalizzato all’acquisto di beni assoggettabili ad ipoteca (ad esempio terreni o immobili).
  • Fideiussioni sia bancarie che di natura commerciale.

Non possono beneficiare dell’intervento del Fondo Centrale quelle operazioni assistite da ulteriori garanzie accessorie quali:

  • pegno in denaro o titoli;
  • garanzie reali, bancarie o assicurative per valori superiori alla quota di finanziamento non assistita da Medio Credito Centrale (MCC). Questo secondo vincolo non è presente per operazioni d’importo superiore ad € 500.000 e durata minima di 10 anni effettuate da aziende dei settori turistico, alberghiero e immobiliare.